Ottobre 2017

Prosegue il progetto “Krug & Music” che fonde il piacere dello Champagne Krug con il piacere della Musica. Ad accompagnare "Les Créations de 2004", la voce potente e raffinata di una talentuosa cantautrice britannica, Lianne La Havas.

Per celebrare la presentazione sul mercato degli Champagne "Les Créations de 2004", la Maison Krug ha scelto come ambasciatrice d’eccellenza la musicista di talento e Krug Lover Lianne La Havas. Come gli artisti che l’hanno preceduta, Lianne La Havas ha dedicato una sua Hit del 2015 "Unstoppable" a Krug Grande Cuvée. L’artista ha raccontato che la ricchezza di aromi, che si susseguono incessantemente nello Champagne Krug Grande Cuvée, porta ad un viaggio di scoperta continua attraverso i sensi. Per questo il mood della sua canzone “Unstoppable” diventa il perfetto abbinamento per esaltare la degustazione delle Créations de 2004. Il suo singolo “Unstoppable” è stato pubblicato nel 2015 nell’Album Blood, e si è classificato al secondo posto nel Regno Unito con una nomination come Best Contemporary Album ai Grammy Awards del 2016. Lianne La Havas nel suo modo di fare musica condivide gran parte della filosofia che guida la Maison Krug, dove ispirazione, passione ed emozioni sono le anime dell’atto di creazione, che portano ad unire diversi elementi in una sola armonia. L’artista ha poi raccontato: “Quando ho assaggiato per la prima volta Krug 2004 ho avuto una sensazione di luminosità”, e noi non vediamo l’ora di provare la stessa emozione, amplificata dalla sua voce elegante, potente e sofisticata, da ascoltare in una sublime playlist attraverso l’App Krug.

Con l’epica vendemmia 1988 Eric Lebel entra a far parte del team degli enologi della Maison Krug, per assumere il ruolo di Chef des Caves a fine anni 90. Da allora la sua dedizione al sogno di Joseph Krug lo ha reso, insieme ad Olivier Krug e alla presidente Maggie Henriquez, straordinario ambasciatore dello stile della Maison. In un’intervista ci racconta il segreto del suo savoir-faire.

Il momento più importante dell’anno, quello decisivo atteso alla Maison con pazienza, trepidazione e speranza, è la vendemmia. Con l’hashtag #KrugHarvest Olivier Krug, la sesta generazione della famiglia Krug, ne ha raccontato gli istanti più emozionanti.

La vendemmia 2017 nelle vigne della Maison Krug è iniziata con una settimana di anticipo rispetto alle date ufficiali della Champagne, e a dichiararlo è stato personalmente Olivier Krug, con un post su Instagram che mostra meravigliose uve di Chardonnay del leggendario vigneto di Clos du Mesnil. È il 26 di agosto, e già il 2 settembre un’altra foto annuncia l’ultima pressatura nel villaggio Grand Cru di Le Mesnil sur Oger. Non deve essere stata una decisione facile per Eric Lebel e il suo team quella di anticipare la raccolta partendo dalle uve di Chardonnay, che dopo un costante monitoraggio e numerosi assaggi negli ultimi giorni di agosto, si sono mostrate mature e in perfette condizioni per essere vendemmiate. Indubbiamente la 2017 è stata un’annata ricca di trepidazione: l’inverno si è concluso con alcune grandinate nella regione che hanno minacciato molte produzioni, ma fortunatamente l’estate è stata generosa, anche se piuttosto calda, tanto da portare le uve all’equilibrio ideale per la vendemmia a fine agosto. Con la foto di un tramonto stupendo nel Grand Cru di Verzenay il 5 settembre, ecco spostarsi la vendemmia sulla Montagne de Reims per il Pinot Noir. L’8 settembre si conclude anche la raccolta delle uve nel mitico vigneto del Clos d’Ambonnay e infine il 9 settembre Olivier Krug torna a Bouzy per le uve Pinot Noir, per concludere poi con una foto del Meunier nei villaggi della Vallée de la Marne. Un racconto lungo oltre 2 settimane che anticipa la meraviglia di ciò che accadrà nei calici tra almeno 7 anni.